Home Green SPRECOZERO 2020: VINCE IBRIDA, LA BIRRA CHE NASCE DAL PANE INVENDUTO

SPRECOZERO 2020: VINCE IBRIDA, LA BIRRA CHE NASCE DAL PANE INVENDUTO

Si chiama Ibrida ed ha vinto, nella categoria imprese, il Premio Vivere a #sprecozero 2020, i piccoli “Oscar” della sostenibilità assegnati annualmente nell’ambito della campagna Spreco Zero con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, dell’ANCI e di World Food Programme Italia.

Ibrida è una birra che nasce del pane invenduto delle panetterie locali di Milano “che non mira a cambiare il mondo – spiegano gli ideatori –  nella lotta contro gli sprechi alimentari, ma si attiva per dare una seconda vita al pane cotto con amore e passione dai forni locali di Milano”.

I creatori di Ibrida sono quattro studenti del Master in Product Service System Design al Politecnico di Milano (Akanksha, Elisa, Francesca e Simone) che hanno immaginato un progetto circolare che rappresenta il perfetto connubio tra sostenibilità e spirito socio-imprenditoriale: connette infatti tutti gli attori della filiera veicolando valori di aggregazione sociale. La birra è realizzata per e con le aree in crescita della città, al fine di incoraggiare forme di innovazione economica e sociale sul territorio.

Si tratta di un progetto circolare che ha lo scopo di cambiare il modo in cui le persone pensano agli sprechi alimentari con una birra artigianale al pane di alta qualità. Il progetto si propone di attivare e connettere realtà disseminate sul territorio, promuovendo filiere corte e un approccio a km 0, diffondendo così una visione sostenibile.

Lo spreco del pane è un problema significativo che le panetterie devono affrontare. In italia, il 19% dello spreco di cibo è attribuibile al pane. Ibrida, con lo scopo di rispondere all’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 12 – Consumo e Produzione responsabili – vuole dare una seconda vita a questo prodotto, trasformandolo in una birra locale, sociale, inclusiva e circolare.

I PIU' POPOLARI